• Letti per voi

    Ego te absolvo

    Una sera di pioggia a un tavolo di una trattoria dei carruggi di Genova, un uomo attende il suo ospite. L’impazienza è palpabile ed evidente nei gesti ripetuti di consultare ora l’orologio, ora il telefonino. Assorto nella trepidante attesa non si accorge di essere spiato di sottecchi da un vecchio habitué del locale, che lo fissa con viva curiosità, convinto com’è di averlo riconosciuto. La sera stessa sulle alture della città, in una zona boscosa, viene ritrovato il cadavere di una donna. A dare l’allarme è stato un giovane dal nome bizzarro, Maggio, che suo malgrado qualche giorno dopo subirà il medesimo triste destino. A occuparsi dei delitti, e di…