Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Notti così
Scritto da Loredana   

28 agosto 2012


Ci sono notti in cui guardi il cielo stellato e ti senti in pace.

E ci sono notti in cui le stelle non le vedi perché hai gli occhi pieni di lacrime che, silenziose, continuano a rotolarti sulle guance.

Notti in cui torni in casa e ti sdrai sul letto, al buio, in silenzio, e respiri normalmente per non disturbare nessuno. Ma il sonno non viene, e il cuscino bagnato ti fa pensare che non sei niente altro che quelle lacrime.


Sono i momenti in cui fai un bilancio della tua vita... di molte cose della tua vita, e trovi maledettamente difficile vedere il bicchiere mezzo pieno.

E l’unica cosa che puoi fare, alla fine, per non impazzire, è trovare una cosa bella e aggrapparti a essa con tutte le tue forze.

Capisci una cosa importante, in notti così: capisci quanto sia diverso il verbo “accettare” dal verbo “sopportare”, e raccogli il tuo essere in una lacrima, e scegli cosa vuoi fare.


C’è sempre una scelta, l’importante è non dimenticarlo. Quando hai scartato tutte le soluzioni impossibili, ciò che resta deve per forza essere la tua strada.

E poi non ti rimane che seguirla, voltare il cuscino dall’altra parte e sperare di essere fortunati: se la cosa bella che hai trovato è dentro di te, ce la farai. Se è intorno a te, vorrà dire che dovrai combattere i tuoi draghi senza la spada.


Molto più difficile.

Bella sfida, comunque.